Opera Fidelio Comune di Milano

Per saperne di più sullo spettacolo visita il sito ufficiale del Teatro alla Scala

Dal 7 ottobre il Teatro alla Scala mette in vendita i biglietti per la prima di Fidelio, opera inaugurale della stagione 2014/2015 diretta da Daniel Barenboim per la regia di Deborah Warner. La serata, il cui obiettivo è la raccolta di fondi per permettere alla Fondazione di svolgere al meglio la sua missione culturale, apre una delle stagioni più ricche della storia recente del Teatro, con 17 titoli d'opera, 8 di balletto, iniziative per i bambini e un cartellone sinfonico senza precedenti, ripartito tra l'orchestra scaligera e le principali compagini internazionali. La Scala si presenta all'appuntamento di Expo 2015 con un programma ambizioso che colloca la tradizione musicale italiana al centro di una fitta rete di scambi culturali.

Come avviene dal 2011, anche quest'anno il Comune di Milano ha deciso di rendere disponibili i biglietti riservati all'Amministrazione per la Prima del 7 dicembre per il Fidelio di Beethoven. Il ricavato della vendita, per il quarto anno consecutivo, sarà interamente destinato a progetto di utilità sociale, una scelta che unisce sobrietà e solidarietà.




Fidelio
Ludwig van Beethoven

Nuova produzione Teatro alla Scala

Orchestra e Coro del Teatro alla Scala

L'opera in poche righe

Un inno al matrimonio è un po' sospetto da parte di uno scapolo. Ma per Beethoven l'idealizzazione della donna-sposa era sentita e sincera. E da sempre l'unicum operistico con protagonista una moglie coraggiosa entusiasma il pubblico. Fidelio è un titolo etico, legato agli ideali di libertà dell'illuminismo francese. Nobili e plebei vi sono uniti nella comune sete di giustizia contro le angherie del potere. Per una volta che la fida consorte di un desaparecido vince la sua battaglia contro un infido tiranno, la gioia collettiva è davvero "senza nome", come si canta in scena. Soprattutto perché l' "arrivano i nostri" finale è raccontato dal trionfale sinfonismo del musicista per definizione. Beethoven fa veramente crollare il mondo, concludendo quest'opera, che inizia come una deliziosa commediola, ma scala e supera tutte le vette dell'arte drammatico-musicale. Daniel Barenboim ha passato la vita ad approfondire ogni nota di Beethoven e la sua maturità ci riserva senz'altro qualche toccante sorpresa emotiva. Grande attesa per le scelte della raffinatissima regista inglese Deborah Warner, che aveva incantato qualche anno fa con una meravigliosa messa in scena di Morte a Venezia di Britten. È ben riposta anche la difficoltà canora del capolavoro, con un cast di nomi importantissimi della lirica internazionale.

Direzione

Direttore
Daniel Barenboim
Regia
Deborah Warner
Scene e costumi
Chloe Obolensky
Luci
Jean Kalman

Cast

Don Fernando: Peter Mattei
Don Pizarro: Falk Struckmann
Florestan: Klaus Florian Vogt
Leonore: Anja Kampe
Rocco: Kwangchul Youn
Marzelline: Mojca Erdmann
Jaquino: Florian Hoffmann

La date
4 dicembre - ANTEPRIMA GIOVANI
7 dicembre Milano, Teatro alla ScalaACQUISTA I BIGLIETTI

foto e contenuti Copyright