Gershwin Un Americano a Parigi

Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Peter Eötvös direttore
Martin Grubinger percussioni
Ligeti Melodien
Eötvös Speaking Drums - quattro poemi per percussioni e orchestra
Ives Three Places in New England
Gershwin Un Americano a Parigi

Chi era in Sala Santa Cecilia il 28 gennaio 2012 non può dimenticare il grandioso successo ottenuto dall'acrobatico percussionista austriaco Martin Grubinger.

Le percussioni agiscono sempre con coinvolgimento immediato, forse un retaggio ancestrale, ma l'impiego di questa famiglia di strumenti ha trovato uno spazio più largo e significativo nella musica contemporanea.

A Peter Eötvös non poteva sfuggire il talento e la bravura di Grubinger ed è nato così il concerto dal titolo "tamburi parlanti" Speaking Drums che si riferisce senza meno al sistema di comunicazione che i nativi americani avevano adottato attraverso i suoni e i ritmi delle loro percussioni e che è dedicato proprio a Grubinger.

Ma tutto americano è il programma proposto da Eötvös, quasi un viaggio musicale nel Nuovo Mondo (con l'eccezione delle brevi calligrafiche Melodien di Ligeti) che comprende i quadri sinfonici Three Places in New England di Charles Ives (un assicuratore con l'hobby della musica ma poi si scoprì che le sue invenzioni erano nuovissime ed originali tali da farlo diventare il padre spirituale della musica americana) e, contraltare allo spregiudicato sperimentalismo dei brani di Ives, il sempreverde e "classico" Americano a Parigi di Gershwin.

Le date
Dal 31 gennaio al 3 febbraio Roma, Auditorium Parco della Musica - Sala Santa Cecilia

Biglietti a partire da 19.00 €ACQUISTA I BIGLIETTI

foto e contenuti Copyright