ROME CHAMBER MUSIC FESTIVAL

Giunto alla sua 14esima edizione consecutiva, il Rome Chamber Music Festival di Robert McDuffie si conferma l'appuntamento musicale romano più atteso dell'estate.

Barocco, Bluegrass, Brahms, questo il titolo scelto dal direttore artistico, nonché fondatore del Rome Chamber Music Festival, Robert McDuffie, per la quattordicesima edizione della manifestazione, in programma a Roma dal 4 all'8 giugno 2017 alle Gallerie Nazionali di Arte Antica nella sede di Palazzo Barberini, che per l'occasione si trasforma in un prezioso scrigno musicale.

Ogni sera lo splendido edificio barocco ospiterà nel grande salone affrescato da Pietro da Cortona un programma diverso, con 40 artisti provenienti da tutto il mondo.

Dal 2003 il RCMF anticipa l'inizio dell'estate romana invitando le stelle della musica classica e non solo, si pensi alla partecipazione di Mike Mills del leggendario gruppo rock R.E.M. l'anno scorso, scovando i migliori giovani talenti italiani, europei e d'oltreoceano e proponendo concerti ed eventi dove generi musicali diversi, capolavori classici e contemporanei e sperimentazioni artistiche riescono a fondersi armonicamente.

Il titolo Barocco, Bluegrass, Brahms, di quest'anno svela solo in parte gli originali accostamenti e i nuovi impulsi culturali che McDuffie desidera riservare al pubblico del festival, è anche un omaggio alla magnifica cornice di Palazzo Barberini in cui si svolge il festival: le tre "B" di Barocco, Brahms, Bluegrass evocano il nome dei Barberini come le tre api ("Bees" in inglese) che ornano il loro stemma.
Ogni edizione del Rome Chamber Music Festival riesce a sorprendere, offrendo a Roma e al suo pubblico una raffinata selezione di protagonisti della scena musicale internazionale. Tra gli altri una leggenda vivente del bluegrass e dello psychograss: il contrabbassista Edgar Meyer insieme a Mike Marshall, uno dei maggiori mandolinisti a livello mondiale e anche uno dei più versatili. Entrambi incarnano uno dei volti della poetica del Rome Chamber Music Festival, la tendenza a fondere differenti stili musicali, dal genere "American Roots" alla musica classica europea, passando per il Pop americano, il Jazz e la musica brasiliana. Oltre all'eclettico virtuosismo di Marshall, in duetto con Caterina Lichtenberg, anche lei mandolinista di fama mondiale, nel concerto del 7 giugno dedicato ad Antonio Vivaldi, assisteremo nel concerto di apertura (4 e 5 giugno) ad un avvincente dialogo fra antico e moderno.
Il grande barocco di Corelli, Vivaldi e Merula, interpretato dal liuto di Ivano Zanenghi, sarà accostato al genere americano per eccellenza, il bluegrass, letteralmente "l'erba blu", una sorta di blues sano e fresco, originario e pieno di energia. In questa occasione Marshall sarà sul palco assieme a Edgar Meyer, acclamato dal New Yorker come "il più grande virtuoso del contrabbasso", il cui strumento è così prezioso da viaggiare con lui in Business Class. La sua musica è apprezzata dai migliori solisti della scena internazionale e una delle sue creazioni sarà eseguita sul palco del Rome Chamber Music Festival nel concerto di chiusura dell'8 giugno. Accanto ad acclamati capolavori della musica da camera (da Corelli a Brahms, da Beethoven a Vivaldi) si avrà la possibilità di ascoltare preziose pagine di rara esecuzione in Italia, come il Settimino di Max Bruch (6 giugno), che verrà eseguito assieme ad un monumento brahmsiano, il Quartetto n. 2 op. 26 per pianoforte e archi, eseguito dallo straordinario pianista Andrea Lucchesini, raffinato interprete che si esibisce abitualmente con le più prestigiose orchestre del mondo. Altra occasione per ascoltare Brahms sarà il 7 giugno con il Sestetto op. 36, dal profondo lirismo e di grande magia timbrica. Dopo il brillante successo raccolto con la rivoluzionaria regia dell'Histoire du soldat di Stravinsky, l'edizione di quest'anno vedrà nuovamente Enrico Stinchelli come regista e curatore delle luci, quasta volta del Carnevale degli animali. Una regia che intende amplificare la carica ironicadi Camille Saint-Saëns, assegnando ad ogni animale una "maschera umana". Sfileranno, quindi, le diverse tipologie di un bestiario attuale e attinto dai carnevaleschi modelli televisivi. Sul palco, un ensemble costituito dai pianisti Elena Matteucci e Diego Procoli, capitanato da Robert Mc Duffie insieme ai giovani talenti del De Simone Young Artist Program, la missione dedicata ai giovani talenti del Festival, sostenuta dalla De Simone & Partners, uno dei main sponsor del Festival. Protagonisti del Festival, oltre al noto virtuoso del violino Robert McDuffie, artisti di indiscusso prestigio internazionale: Alessandro Carbonare, Daniele Bovo, Massimo Ceccarelli, Bella Hristova, Hsin-Yun Huang, Caterina Lichtenberg, Andrea Lucchesini, Mike Marshall, Elena Matteucci, Edgar Meyer, Luca Sanzò, Guglielmo Pellarin, Pietro Pompei, Flavio Tanzi, Ivano Zanenghi. I rinomati professionisti e i solisti di chiara fama avranno anche il compito di seguire passo dopo passo i 22 giovani musicisti vincitori delle selezioni dell'ormai noto Young Artist Program/Missione Giovani, che raccoglie ogni anno talenti da ogni parte del mondo e che da quest'anno si chiama appunto De Simone Young Artist Program/ De Simone Missione Giovani. Inoltre, l'edizione 2017 del Rome Chamber Music Festival, si arricchirà della masterclass all'interno della Domus Romana (via delle Quattro Fontane, 113), condotta da Daniele Bovo, eclettico violoncellista della Venice Baroque Orchestra e specialista della prassi esecutiva dell'epoca. Durante la masterclass, in programma il 5 giugno dalle ore 10 alle ore 14, i nostri giovani talenti del Young Artist Program avranno la possibilità di approfondire uno dei geni del Barocco romano musicale.

Il Rome Chamber Music Festival è realizzato in collaborazione con MiBACT, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo; Gallerie di Arte Antica di Roma, Palazzo Barberini. Con il patrocinio di Regione Lazio; Roma Capitale.
Grazie a UnitedStatesEmbassy to Italy; De Simone &Partners; Countour Global; ExxonMobil; Mungari ? Ripoli; Hong Kong Economic and Trade Office; BCC Roma. Sponsor tecnici: Roma Liuteria ? Mathias Menanteau; Alfonsi Pianoforti; Domus Romana; CIDIM; Cathay Pacific; Crown Plaza; Atac.

I concerti saranno aperti al pubblico a partire dal 5 giugno e avranno inizio alle ore 20,30. Le prove saranno aperte al pubblico, sia a Palazzo Barberini (anche ai visitatori delle Gallerie Nazionali di Arte Antica), che presso la Domus Romana Hotel, da venerdì 2 a mercoledì 7 giugno, dalle ore 10 alle ore 18.

(Domenica 4 giugno serata su invito).

Link esterni
Sito Ufficiale Rome Chamber Music Festival

Biglietti a partire da 42.00 €ACQUISTA I BIGLIETTI

Seguici su:
   

foto e contenuti Copyright