Bombino

Astro nascente del desert blues, Goumar Almoctar, conosciuto come Bombino, è natoe cresciuto in Niger. Sin da giovane diventa allievo del celebre chitarrista Tuareg Haia Bebe epoco dopo entra a far parte della sua band, acquisendo il soprannome di Bombino, unastorpiatura dell'italiano "bambino".

Dan Auerbach (The Black Keys) lo incontra e ne rimane folgorato, decidendo così di produrre Nomad,il terzo disco uscito in tutto il mondo ad aprile 2013 su etichetta Nonesuch/Warner. Registrato nello studio di Auerbach a Nashville, Nomad è l'incontro del desert-rock con il blues, suonato dalle abili mani di Bombino ed arricchito dalla sua voce intensa e vigorosa.

Le sonorità ci ricordano quelle dei Tinariwen, vicini suonatori del deserto, ma le sue melodieelettrizzanti, che racchiudono lo spirito della resistenza e della ribellione, trasudano ungroove irresistibile. Una versione del blues densa e magmatica, a cui si aggiunge la particolaritàdi svincolarsi dalla classica metrica basata sul "call and response" tra cantante solista ecoro (solitamente femminile) rimpiazzando quest'ultimo con le digressioni melodiche dellachitarra.

Compositore e chitarrista desertrock, Bombino si rifà alle sonorità tipiche degli anni 60-70, da Jimi Hendrix a Jimmy Page, inserendole in un contesto rock-blues di matrice americana arricchito da vocalismi in Tamasheq, la lingua Tuareg.

La data
3 febbraio Aosta, Teatro Splendor

Biglietti a partire da 16.50 €ACQUISTA I BIGLIETTI

foto e contenuti Copyright