Festivaletteratura Mantova 2014. Il programma

MANTOVA


Diventa maggiorenne il Festivaletteratura di Mantova. Il compleanno si festeggia fra mercoledì 3 e domenica 7 settembre e gli invitati sono tantissimi.
Dalla città dei Gonzaga passano il Pulitzer Elisabeth Strout, il Goncourt Pierre Lemaitre, lo Strega Francesco Piccolo e poi Claudio Magris, Micheal Cunningham, Annie Ernaux, Michela Murgia, Jonathan Gottschall, Wu Ming, Lidia Ravera, la poetessa Jorie Graham, e tanti, tanti altri.
Vastissimo il programma, recuperabile su festivaletteratura.it: è composto da 75 pagine. Da non perdere per il suo taglio davvero contemporaneo, l'approfondimento dedicato alla letteratura palestinese. Ne parlano il poeta Mourid Barghouti, il romanziere libanese Elias Khoury e Suad Amiry che vive a Ramallah e conta su un pubblico fedele anche in Italia. Da un paese martoriato come la Palestina, il viaggio del Festival prosegue verso luoghi dove l'identità e l'idea stessa di comunità hanno subito colpi (quasi) mortali, come il Rwanda di Scholastique Mukasonga, oppure l'Ucraina raccontata da Andrei Kurkov attraverso i suoi diari.
Come per ogni edizione, il festival di Mantova è anche un'occasione per incontri con autori e autrici molto note. Ne citiamo alcuni in ordine sparso: Stefano Benni, di cui è uscito di recente «Pantera» (Feltrinelli); Colm Toibin che nel 2013 ha pubblicato «Il testamento di Maria» (Bompiani),Eric-Emmanuel Schmitt, autore del best seller «Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano», la cui ultima opera si intitola «La giostra del piacere» (Edizioni e/o). Fra le donne, oltre a Strout, Ravera, Murgia e Ernaux di cui si è detto all'inizio, si contano Luisa Muraro alle prese con un omaggio alla poetessa irlandese Iris Murdoch, Licia Troisi, regina del fantasy italiano con oltre tre milioni di copie vendute, e Elvira Lindo, mamma di Manolito Gafotas, saga amatissima della lettatura infantile spagnola.
Fra gli appuntamenti impossibili da classificare c'è quello che vede Angela Terzani Staude raccontare suo marito Tiziano a cui, nel decennale dalla scomparsa, ha dedicato «Un'idea di destino. Diari di una vita straordinaria» (Longanesi) oppure la graphic novel spiegata da Gipi, reduce dal successo di «unastoria» (Coconino Press) primo fumetto ad entrare nella shortlist iniziale dello Strega.