corso di avvicinamento al butterflywatching

'Bisogna essere ciechi o estremamente aridi se alla vista delle farfalle non si prova una gioia, un frammento di fanciullesco incanto, un brivido dello stupore goethiano. E certo ve ne sono buoni motivi. La farfalla, infatti, è un qualcosa di particolare, non è un animale come gli altri, in fondo non è propriamente un animale ma solamente l'ultima, più elevata, più festosa e insieme vitalmente importante essenza di un animale. È la forma festosa, nuziale, insieme creativa e caduca di quell'animale che prima era giacente crisalide e, ancor prima che crisalide, affamato bruco'
Così Herman Hesse, in un suo libro, parla delle farfalle.
In effetti pochi animali, nel corso dei secoli, hanno catturano l'immaginazione degli uomini quanto le farfalle. I loro magnifici colori e il loro volo aggraziato sono un piacere per i nostri sensi; le associamo alla primavera e a quel senso di rinnovamento che questa stagione rievoca.
L'uomo è sempre rimasto affascinato dal loro incredibile e misterioso ciclo vitale, nel quale attraverso il processo di metamorfosi un bruco strisciante si trasforma in una meravigliosa creatura volante e
vivacemente colorata. Le farfalle sono parte della nostra vita, appartengono alla nostra arte, al nostro
folclore, alla cultura, alla magia e al mito.
I lepidotteri però sono importanti anche dal punto di vista scientifico, poiché costituiscono degli ottimi
bioindicatori. La loro presenza o assenza rappresenta, infatti, un importante segnale dello stato di salute di un ambiente.
Per questi e molti altri motivi che il Centro Ricerche Atlantide in collaborazione con lEnte di Gestione delle Riserve Pedemontane e delle Terre d'Acqua, all'interno di 'Frammenti di primavera' organizza il corso di avvicinamento al Butterflywatching.
Il Butterflywatching può essere un hobby a contatto con la natura, molto divertente e utile per il benessere psico-fisico della persona che lo pratica ed è, con una base conoscitiva minima, accessibile a un vasto pubblico.
Questo corso intende fornire ai partecipanti le conoscenze di base per poter correttamente approcciarsi a questo hobby naturalistico ed è pertanto da considerarsi introduttivo alla materia.
Dove, come e quando cercare (senza catturarle), osservare e fotografare le farfalle è ciò che ci si prefigge di insegnare ai corsisti, stimolando il loro interesse con un linguaggio comprensibile anche da chi non possiede una formazione naturalistica. I relatori saranno Silvia Di Martino naturalista archeozoologa, Francesco Gatti naturalista e butterflywatcher, Paolo Andreatta naturalista.
Il corso si compone di 4 incontri serali e di unuscita sul campo, si svolgerà al Parco delle Lame del Sesia ad Albano Vercellese. Le date degli incontri sono: 16 e 23 aprile, 7 e 14 maggio con orario 20,30-22,30; il 17 maggio è prevista l'uscita dalle 10,00 alle 16,00.
È necessario iscriversi entro il 31 marzo, il costo di partecipazione è di 60 euro.
Per informazioni ed iscrizioni potete scrivere a centroatlantide@yahoo.it o telefonare al 3472454481.

Organizzatori:
  • CRA - Centro Ricerche Atlantide
Scarica Documentazione:
Seguici su: