Moscato Canelli e i colori del vino

Canelli

CANELLI


via Villanuova

Con un'apposita certificazione contenuta nel disciplinare produttivo, il Moscato d'Asti Docg, ha una sua eccellenza che prende il nome dalla città di Canelli. Il Moscato d'Asti Docg superzona Canelli rappresenta la cosiddetta zona storica della produzione dell'uva che tra l'altro da origine all'Asti Spumante e imbottigliato con il "tappo raso" rappresenta il crù di tutti i Moscato. E' un vino che trova origine dalle uve prodotte sui cosiddetti surì, ovvero i terreni maggiormente esposti al sole ed inevitabilmente sulle colline più scoscese, sui pendii più erti, dove è difficile lavorare e dove si scrivono le pagine dell'agricoltura cosiddetta eroica. Per onorare questa peculiarità, a tre anni esatti all'approvazione della zona di eccellenza Canelli all'interno del disciplinare del Moscato d'Asti docg, i vignaioli del Moscato di Canelli hanno preso la lunga via lastricata denominata "Sternia", che dal centro cittadino sale bruscamente lungo il borgo storico di Villanuova, ed hanno ideato un percorso con nove stazioni golose. Sabato prossimo, 12 luglio, si potranno rivivere le emozioni di questo grande vino con abbinamenti anche inediti di sapori, di profumi e di colori.