"Festival delle sfide titaniche": Don Camillo e Peppone ai fornelli

Peppone e don camillo

MANTOVA


PalaBam

Don Camillo e Peppone non sono solo due personaggi creati dalla fantasia, ma anche due immortali verità che continuano a vivere in ognuno di noi, anche se ci piace pensare che certe rivalità siano ormai superate. Al Palabam il conto alla rovescia è cominciato, e il "Festival delle sfide titaniche" farà prendere respiro a questi due eterni protagonisti della competizione, ma con una scenografia diversa, fatta di fornelli, forchette, piatti e bicchieri. Animato dallo stesso desiderio di Don Camillo e Peppone di arrivare primi, il Festival delle sfide gastronomiche lancia il derby che si svolgerà a colpi di cucina con piatti tipici della tradizione.
La manifestazione, con ingresso libero, vedrà scendere in campo degli ospiti speciali, del calibro dei due mitici ispiratori e si rivolgerà a tutti, guardando con attenzione alle esigenze della famiglia. L'idea di Palamantova, nata sulla base dell'esperienza già consolidata del "Festival della cucina Mantovana", è completamente rinnovata, guarderà oltre i confini della città gonzaghesca, per abbracciare tutta la provincia e non solo. Per la prima edizione dell'evento, gli organizzatori hanno voluto coinvolgere i campanilismi per trasformarli nell'occasione di trascorrere insieme delle serate all'insegna del divertimento, accompagnate da buon cibo genuino.
Si comincerà sabato 15 e domenica 16 novembre, quando ad aprire le quattro sfide in calendario saranno il gruppo "Amici di Don Camillo" e la Festa dell'Unità di Suzzara. Una contro l'altra, in un simpatico braccio di ferro che avrà come protagonisti i maccheroncini con lo stracotto da un lato, e con fagioli e verdure dall'altro. Non a caso, il primo match si chiamerà "Don Camillo e Peppone". In giuria siederanno rappresentanti delle istituzioni, mentre il Palabam sarà immerso nell'atmosfera dei film dei due simboli di Brescello.
Grazie alla collaborazione del museo "Peppone e Don Camillo", frutto degli sforzi di alcuni cittadini e inaugurato nel 1989, alcuni figuranti li faranno rivivere e ne racconteranno la storia, senza ovviamente dimenticare l'immancabile Sidecar. La giornata del 16 terminerà con una sorpresa: la partita di calcio tra la mitica Gagliarda e la Dinamo.
Le sfide proseguiranno sabato 22 e domenica 23 novembre, con i tortelli di zucca di Mantova, contro quelli del Casalasco; sabato 29 e domenica 30 con la sfida dei risotti tra Villimpenta e Castel D'Ario, rivali da sempre; e infine gran chiusura sabato 6, domenica 7 e lunedì 8 dicembre con il Grand galà del bolliti: Pearà o mostarda? Che vinca il migliore.
Ogni weekend il festival sarà aperto nei giorni di sabato a cena, mentre ogni domenica pranzo e cena. Il pranzo comincerà alle 11.30, e la cena alle 19. Per informazioni 0376.220055, area polivalente di via Melchiore Gioia 3. Ingresso e parcheggio gratuiti.