Tre notti alla Gamec tra discoteche e cinema silenziosi

Mostra di Giuseppe Stampone alla Gamec

BERGAMO


Gamec, via San Tomaso 53

Tre serate a impatto acustico zero. Eppure ci saranno proiezioni, una serata disco e anche il birrificio Curtense con le sue pinte artigianali. Parliamo del week end end "Silent Night", nel cortile della Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, che da stasera a sabato si riempirà delle arti più disparate, partendo dalla conferenza Repetita Iuvant. Dalle statue dei Faraoni a "Il giorno della marmotta, a cura di Daniela Mancia, che indagherà come l'arte, da sempre, si è avvalsa della pratica della riproduzione seriale, dall'arte Bizantina alla Pop, fino alle accumulazioni del Nouveau Realism, arrivando al cinema, appunto con Il giorno della marmotta e il bellissimo e intrigante Memento, che sarà proiettato alle 22.30. In cuffia. Già, perché come annunciato tutte e tre le serate saranno a impatto acustico zero.
Non sarà udibile dall'esterno, infatti, nemmeno la serata disco di venerdì notte, quando chi vorrà ballare potrà farlo sintonizzandosi sulle frequenze di tre dj che suoneranno tre diverse playlist, tutte in wi-fi. Per venerdì sera, inoltre, se volete approfondire la vostra conoscenza in fatto video musicali, non perdetevi l'incontro con Fabio Volpi e la sua lecture su Il videoclip come forma d'arte.
Più complesso invece il programma di sabato, dove la rassegna prenderà nome di "Art2night". A partire dalla 17.00 laboratori per bambini e percorsi nel gusto, un po' ispirati alla collezione permanente della GAMeC e un po' ai lavori di artisti che attraverso la condivisione delle proprie opere con il pubblico hanno lasciato un messaggio "dolce", come ricorderà l'artista Clara Luiselli nella conferenza Dulcis in fundo. Ma non è finita, perché in diversi orari della giornata (18.45, 20 e 20.15), potrete alternativamente vedere con guida le mostre Riscoprire la Carrara e le personali di Giuseppe Stampone e del particolarissimo statunitense Robert Overby. E prima del liberi tutti il concerto di Boris Savoldelli, con le sue estensioni vocali e i suoi rimandi jazz, appresi da Mark Murphy. Stavolta non in cuffia, ma nel Salone d'Ingresso. Per il programma completo www.gamec.it