Vania Russo, un'impressionista digitale

Vania Russo - Bergamo infinita

BERGAMO


Ex Chiesa della Maddalena (via Sant'Alessandro 39b)

Un "impressionista digitale" con un'unica, magnifica ossessione: la ricerca del segno dell'infinito. Bergamo ricorda, a quasi un anno dalla scomparsa, l'itinerario poetico e visionario di Vania Russo (1937-2013), grafico, pittore e pittore digitale, per il quale la creatività era sperimentazione continua di strumenti e materiali antichi e contemporanei, dal pennello al mouse, dalla tela alla tavolozza virtuale. Si inaugura sabato 24 maggio alle ore 16.30, nei suggestivi spazi dell'Ex Chiesa della Maddalena a Bergamo, la mostra antologica commemorativa "Vania Russo. Bergamo infinita e altre opere", promossa dall'Associazione Culturale Amici di Vania e realizzata grazie al sostegno di Banca Popolare di Bergamo, con il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo.
Curata dalla figlia di Vania, Giovanna Russo, l'antologica si propone di ripercorrere il sorprendente percorso creativo dell'artista attraverso una quarantina di opere selezionate e suddivise in tre sezioni.