I volti dei Gonzaga in mostra

volti gonzaga

MANTOVA


Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova, Piazza Virgiliana 55

"Gonzaga. I volti della storia" è il titolo della mostra genealogico-iconografica a cura di Giancarlo Malacarne inaugurata domenica 12 aprile al Museo Diocesano "Francesco Gonzaga" in piazza Virgiliana a Mantova.
L'esposizione rimarrà aperta fino al 20 settembre del 2015. L'evento è stato presentato da monsignor Roberto Brunelli insieme al curatore Giancarlo Malacarne, al sindaco di Mantova Nicola Sodano e al presidente della Provincia Alessandro Pastacci. Nella sala affollata del Diocesano c'erano anche il prefetto Carla Cincarilli, Francesca Zaltieri, monsignor Giancarlo Manzoli, il maestro di stampa Renato Paolini, Carlos Gonzaga di Vescovato, uno degli ultimi discendenti insieme al cugino Ludovico. Sodano ha riconosciuto a monsignor Brunelli che mostrare l'intera dinastia Gonzaga mentre riapre la Camera degli Sposi e arriva l'Expo è una grande operazione di promozione culturale e turistica.
I Gonzaga, dunque, tornano in mostra a Mantova nell'anno di Expo, con una esposizione a carattere genealogico-iconografico. L'autore ricostruisce, attraverso ritratti, oggetti e pergamene, la storia della grande dinastia gonzaghesca, che governò per quattro secoli lo stato mantovano, percorrendo il Medioevo, il Rinascimento e l'Età Moderna.
Grazie ai prestiti di alcuni collezionisti privati, la mostra offre un'immagine inedita dei signori di Mantova, mediante un centinaio di preziose testimonianze mai esposte al pubblico, che vanno dalla ritrattistica di corte alle medaglie celebrative, dalle mappe genealogiche alle armi, dalle ceramiche ai cofanetti. Tra le opere presenti, di grande interesse storico-documentario è il gruppo di venti dipinti che costituisce la serie completa, unica al mondo, dei Gonzaga dominanti in Mantova, appartenenti alla linea primogenita e di Nevers: i volti della storia, come richiama il titolo dell'evento.
La mostra, allestita da Roberto Soggia, è corredata di catalogo e si arricchisce di iniziative collaterali, che prevedono visite guidate all'esposizione stessa, alle sale gonzaghesche del Museo, alla basilica palatina voluta dal duca Guglielmo e ai siti memoriali dei Gonzaga in Emilia.
Alla mostra aderiscono, oltre a numerosi collezionisti, il Museo Gonzaga di Novellara, la Biblioteca Maldotti di Guastalla, la Biblioteca Teresiana di Mantova e la Collezione Unicredit.
La mostra è stata realizzata in collaborazione con il Comune di Mantova.
Tra gli eventi collaterali sono previste inoltre visite in notturna della basilica palatina (la basilica di Santa Barbara voluta dal duca Guglielmo) e conferenze pubbliche che approfondiranno i temi connessi all'esposizione.
La mostra è aperta dalle 9.30 alle 12 e dalle 15 alle 17.30 dal mercoledì alla domenica (chiuso lunedì e martedì aperta solo a gruppi prenotati). I biglietti interi costano 6 euro, ridotto 10 euro comprensivo della visita al museo; i bambini fino 11 anni e portatori di handicap entrano gratuitamente. Prenotazione obbligatoria gruppi di massimo 25 persone: telefono e fax 0376 320602, e-mail:info@museodiocesanomantova.it