Il territorio disegnato: i cabrei dell'ospedale di Bergamo

Cabrei

BERGAMO


Archivio di Stato, via Fratelli Bronzetti 26
035233131

All'Archivio di Stato di Bergamo è stato depositato l'archivio storico degli Ospedali Riuniti di Bergamo, ora Giovanni XIII. Si tratta di una preziosa fonte, per la storia della città e del suo territorio. La documentazione copre un arco temporale che va dal 1395 alla seconda metà del XX secolo, tra cui meritano una menzione a parte gli archivi degli ex monasteri di San Paolo d'Argon e di Astino, aggregati all'archivio dell'Ospedale a seguito delle soppressioni napoleoniche: cabrei settecenteschi di particolare pregio; diplomi di Carlo V e Filippo II d'Austria; bolle pontificie; ducali venete; atti notarili pergamenacei per enumerarne alcuni tra i più rilevanti.
In occasione della 31a edizione delle Giornate Europee del Patrimonio, l'Archivio di Stato ne offre uno spaccato attraverso l'esposizione di una selezione di cabrei (quindici) del Settecento che ne rappresentano i beni ricevuti sia per lasciti testamentari che per acquisizioni di possedimenti di antichi monasteri come quello citato di San Paolo d'Argon. I cabrei sono uno straordinario documento iconografico, infatti il territorio e i luoghi son rappresentati con disegni acquerellati di alta risoluzione grafica e valore artistico, in particolare nei piccoli dettagli come le rose dei venti.
La mostra, dal titolo «Il territorio disegnato: i cabrei dell'Ospedale di Bergamo», aperta fino al 10 ottobre (lun. merc. ven. 9-15, mart. giov. 9-17), sarà visitabile straordinariamente domenica 5 ottobre (9-13) in occasione del consueto appuntamento autunnale organizzato a livello nazionale dal Ministero dei Beni e delle Attività e del Turismo, dedicato alla «Domenica di Carta» (info e informazioni: www.asbergamo.beniculturali.it / tel. 035.233131).

Seguici su: