Torna alla lista degli eventi
il 17 dicembre 2019 alle 09:30  altre date 

Musei Civici Forli

I Musei civici di Forlì hanno origine nel 1838 quando viene fondata la Pinacoteca civica con sede nel Palazzo della Missione (ora Palazzo della Provincia), grazie a donazioni di cittadini e ad opere d'arte acquisite dal Comune dopo le soppressioni napoleoniche.

MUSEI SAN DOMENICO
Il complesso conventuale di San Domenico ospita al primo piano la sezione antica della Pinacoteca civica. Le opere esposte coprono un arco temporale dal XII agli inizi del XIX sec.Nell'ala di destra sono collocate le opere più antiche dal Trittico del cosiddetto Maestro di Forlì al Corteo dei Magi, dall'affresco del Pestapepe alle tavole del Beato Angelico e alla Dama dei gelsomini di Lorenzo di Credi, dal monumento sepolcrale del Beato Marcolino di Antonio Rossellino alla grande Crocifissione di Marco Palmezzano; nell'ala di sinistra opere di Marco Palmezzano, Baldassarre Carrari, Francesco Zaganelli, la pittura del Cinquecento romagnolo e di ambiti culturali limitrofi, fino al manierismo di Francesco Menzocchi, Livio Agresti e Livio Modigliani. Nell'ultima sala è esposta la misteriosa Fiasca con fiori, una delle nature morte più significative nel panorama italiano del primo Seicento. Infine, nella saletta ovale a lei dedicata, fluttua serena l'Ebe di Antonio Canova.

PALAZZO ROMAGNOLI
A due passi dai Musei San Domenico, Palazzo Romagnoli, recentemente aperto al pubblico, ospita le Collezioni civiche del Novecento.L'intero piano terra è dedicato all'esposizione permanente della prestigiosa Collezione Verzocchi, un unicum nato dalla passione di un affermato imprenditore di origine forlivese (Giuseppe Verzocchi 1887-1970) e donato al Comune nel 1961.La collezione, dedicata al tema del "Lavoro", è costituita da settanta dipinti commissionati nel 1949 ad artisti della prima e seconda generazione del Novecento, quali Carrà, Casorati, De Chirico, Depero, Sironi, Rosai, Soffici, De Pisis e i più giovani Moreni, Morlotti, Afro, Santomaso, Birolli, Capogrossi, Turcato. La collezione costituisce così la fotografia del complesso e vivace panorama artistico italiano del secondo dopoguerra.La visita al Palazzo prosegue al primo piano dove sono collocati oli e incisioni di Giorgio Morandi, sculture di Adolfo Wildt e 'La grande Romagna', selezione di opere pittoriche e plastiche rappresentative del vasto e composito patrimonio novecentesco forlivese.

Info Ridotto:
Hanno diritto al ridotto rispetto al prezzo intero del biglietto:
- giovani dai 19 ai 29 anni possessori di YoungER Card
- docenti con Carta DOC Regione Emilia Romagna
- forze dell'ordine con tesserino
- gruppi maggiori o uguali a 10 unità paganti,
- tesserati ad associazioni/organismi di promozione sociale a scopo culturale e di promozione e valorizzazione del patrimonio culturale
- soci di associazioni a scopo culturale convenzionate con il Comune di Forlì
- possessori di ArtCard

Info Gratuito:
- minori fino a 18 anni;
- scuole dell'infanzia, scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado
- insegnanti accompagnatori di scolaresche di ogni ordine e grado
- visitatori disabili con un accompagnatore e invalidi
- tesserati ICOM
- guide turistiche con tesserino
- giornalisti con tesserino
- interpreti nell'esercizio delle proprie funzioni
- possessori di Romagna Visit Card
- possessori di tessera Coop Alleanza 3.0
- altre categorie eventualmente incluse nella normativa vigente in materia

Prima domenica del mese ingresso gratuito per tutti

Biglietti a partire da 6.00 €ACQUISTA I BIGLIETTI

foto e contenuti Copyright