Uno:Uno. A tu per tu con l'opera

Madonna con Bambino e Santi in un paesaggio attribuita a Giovan Pietro Birago

PAVIA


Musei Civici del Castello Visconteo

Domenica 30 ottobre, alle ore 16, si terrà il nuovo appuntamento con Uno:Uno. A tu per tu con l'opera, l'iniziativa organizzata dai Musei Civici del Castello Visconteo, con il sostegno dell'Associazione Amici dei Musei Pavesi e la collaborazione dell'Istituto Franco Vittadini, che ogni mese conduce alla scoperta delle collezioni dei Musei pavesi, un capolavoro alla volta. Uno:Uno si concentra, infatti, di volta in volta su una singola opera, presentata da un esperto, offrendo differenti chiavi di lettura per evidenziare le molteplici e talvolta inattese connessioni che scaturiscono dalla conoscenza approfondita dell'arte.
L'appuntamento prevede l'intervento della dottoressa Caterina Zaira Laskaris, che svolgerà un approfondimento dedicato a una miniatura a piena pagina attribuita al noto miniatore e incisore lombardo di epoca sforzesca Giovan Pietro Birago. L'opera rappresenta il soggetto sacro della "Madonna col Bambino e Santi entro un paesaggio".
L'autore, noto come "Maestro del libro d'orazioni di Bona Sforza di Savoia" o come cappellanus et pictore, godette del particolare favore sia di Bona Sforza, sia di Ludovico il Moro. Negli ultimi decenni gli studiosi hanno riportato sotto i riflettori questo artista, il cui nome è rimasto sconosciuto a molti nel tempo, e le cui opere sono invece degne di nota. Autore di moltissimi capolavori della miniatura, come ad esempio la realizzazione di cornice, stemmi e ritratti della Sforziade, la biografia del duca Francesco I Sforza, composta da Giovanni Simonetta della fine del XV secolo. Le sue opere preziose sono conservate nei più importanti musei e biblioteche europee come il British Museum di Londra, la Biblioteca Nazionale di Varsavia e la Trivulziana di Milano.
La miniatura in oggetto è oggi esposta presso la sezione Bibliotec@ di Corte dei Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia, in occasione della mostra Le ore della devozione. Miniature e codici di argomento sacro dalle civiche collezioni pavesi. La mostra, inaugurata il 15 ottobre scorso e aperta fino al 20 novembre, illustra e racconta l'importanza di preziosi esemplari databili tra la seconda metà del XV e gli inizi del XVI secolo; il tema è quello della devozione privata tra tardo Medioevo e Rinascimento, quando committenti aristocratici e borghesi si facevano approntare piccoli volumi "tascabili" contenenti testi sacri, che accompagnassero e ritmassero i momenti di preghiera e lettura religiosa nel corso della giornata, da qui il termine di "Libri d'ore". Accanto ai libri d'ore, provenienti dalla Biblioteca Civica Bonetta, la mostra ospita miniature ritagliate appartenenti alla sezione Arti Minori dei Musei Civici e riferibili al medesimo contesto storico e devozionale: in prevalenza ricavate da volumi liturgici, le illustrazioni sono tutte quattrocentesche, di soggetto sacro e stilisticamente di ambito lombardo o più strettamente pavese, a documentare la fioritura della scuola locale di produzione e decorazione libraria. Anche di questi materiali si parlerà nel corso dell'incontro.

L'appuntamento con Uno:Uno sarà caratterizzato da un momento musicale di Marco Banducci liuto e Miriam Forgioli voce, con un programma dedicato alla musica rinascimentale con liuto a cura dell'Istituto Franco Vittadini.

L'ingresso a Uno:Uno è gratuito per tutti i possessori della M MUSEUM CARD. Per chi non ne fosse in possesso, l'iniziativa è aperta al costo simbolico di 1 euro: un piccolo contributo alla salvaguardia del patrimonio artistico e culturale della città.

Ritrovo presso la biglietteria dei Musei Civici alle ore 16 senza bisogno di prenotazione