Galleria Borghese

A partire dal 5 febbraio fino al 25 maggio, le sale di Galleria Borghese a Roma ospitano la mostra Giacometti. La Scultura.

La mostra è curata da Anna Coliva, direttrice della Galleria, e da Christian Klemm, illustre studioso dell'opera di Giacometti e realizzatore delle monografiche più importanti sull'artista.

La Villa Pinciana, nobile scenario di sommi capolavori d'arte antica e moderna è, per definizione, soprattutto il luogo della scultura, grazie alla presenza nella collezione di sommi esempi dell'epoca greca e romana, del Rinascimento, del Barocco e del Neoclassicismo.
In questo iter storico della scultura attraverso i secoli, in cui è fortemente presente la statuaria rappresentativa della figura umana, manca tuttavia un unico esempio: il modo in cui essa è stata concepita e interpretata nel XX secolo. A questa idea si vuole dedicare la mostra, individuando l'anello mancante del percorso proprio nell'opera di Alberto Giacometti: la sua estetica, rappresentativa della scultura del Novecento, è il continuum attraverso cui si concretizza la rappresentazione della statua come rappresentazione della figura umana.

Tale suggestivo contesto ospiterà dunque la mostra di Alberto Giacometti, scultore e artista svizzero, visionario, onirico e surrealista, che lasciò un segno indelebile nell'arte del XX secolo.
L'esposizione racconterà attraverso 40 opere l'artista e la sua opera in dialogo con i capolavori presenti in Galleria, per fornire un panorama esaustivo dei modi in cui è stato interpretato il concetto di "statua" nelle varie epoche storiche. Tra le opere esposte Femme qui marche II (1936, Collezione Peggy Guggenheim, Venezia), Buste de Diego (1954, Centre Pompidou, Parigi) e Femme de Venise V (1956, Collezione Privata), e un interessante nucleo di disegni dell'artista.

Biglietti a partire da 16.00 €ACQUISTA I BIGLIETTI

foto e contenuti Copyright