Si nota all'imbrunire - Solitudine da paese spopolato

I figli Alice, Riccardo e Maria sono arrivati la sera prima. Il fratello maggiore Roberto anche. Un fine settimana nella casa di campagna di Silvio, all'inizio del villaggio spopolato dove vive da solo da tre anni. Silvio ha acquisito, nella solitudine, un buon numero di manie, la più grave di tutte: non vuole più camminare. Non si vuole alzare. Vuole stare e vivere seduto il più possibile. E da solo. Si tratta, per i figli che finora non se ne erano preoccupati troppo, di decidere che fare, come occuparsene, come smuoverlo da questa posizione che è una metafora del suo stato mentale: che è quella di un uomo che vive accanto all'esistenza e non più dentro la realtà. Emergono qua e là empatie, distanze e rese dei conti. I familiari di Silvio sono venuti a trovarlo per la messa dei dieci anni dalla morte della moglie... C'è da commemorare, da dire, da concertare discorsi. Certo è che, preda del suo isolamento, nella testa di Silvio si installa una certa confusione tra desideri e realtà, senza nessuno che lo smentisca nel quotidiano, la vita può essere esattamente come uno decide chesia. Fino a un certo punto.

Le date
dal 19 al 24 novembre Firenze, Teatro della Pergola
12 marzo 2020 Mantova, Teatro Sociale
19 marzo 2020 Cascina, La Città del teatro
dal 20 al 22 marzo 2020 Lucca, Teatro del Giglio
26 marzo 2020 Grosseto, Teatro Moderno

Biglietti a partire da 11.50 €ACQUISTA I BIGLIETTI

foto e contenuti Copyright