Giorgio Montanini in Per quello che vale...

"Per quello che vale?" è un titolo che lambisce appena il contenuto dei temi in esso affrontati. "Per quello che vale?" rappresenta molto di più: una riflessione. Una riflessione che l'artista fa sull'effettiva funzione della sua esibizione e del ruolo che un comico ricopre in una società. In questo caso, il titolo mette in guardia lo spettatore da ciò che andrà ad ascoltare.
Un comico satirico non dovrebbe mai salire sul piedistallo, non dovrebbe pontificare e, soprattutto, sentirsi migliore di quello che denuncia. Un palco non dovrebbe trasformarsi in pulpito, lo spettacolo in comizio e il pubblico in partito. In Italia, Paese in evidente crisi di identità, la figura del comico, però, viene elevata a punto di riferimento, a guru, a bocca della verità. Quello che pensa un comico e che poi diventa monologo, assume proporzioni d'importanza imbarazzante; il comico diventa punto di riferimento politico sociale ed economico. Questa deriva populista non solo è profondamente sbagliata nell'essenza, è anche pericolosa. Il contenuto di uno spettacolo satirico è solo il personalissimo punto di vista del comico e, in quanto tale, totalmente opinabile.
In Italia, invece, un comico viene preso sul serio, un politico viene preso a barzelletta.
La satira in più di duemilacinquecento anni, non ha mai rovesciato un governo, cambiato una legge, modificato un comma, aggiunto una postilla. I cambiamenti li fa la classe politica, classe politica eletta dai cittadini, ossia dal pubblico. "Non deresponsabilizzatevi attribuendo al comico la funzione che non ha, assumetevi le vostre responsabilità alle urne, il comico le sue le affronta sul palco" afferma Giorgio Montanini e aggiunge. "Guardate questo spettacolo sapendo che gli argomenti della satira sono gli stessi da sempre, un comico moderno non fa altro che attualizzarli e plasmarli sulla società che vive, ve li sbatte in faccia con violenza, Le parole di un comico penetrano in profondità le carni dell'anima e stimolano i nervi scoperti facendovi sussultare per l'imbarazzo ed esplodere in una risata liberatoria. Finito lo spettacolo potrete sentirvi un po' meglio e tornare a vederlo, oppure sentirvi disgustati e non tornare mai più. Finito lo spettacolo, però, non c'è altro. Finito lo spettacolo, potreste anche ripetere con gusto la battuta che tanto v'era piaciuta e riderne con gli amici, aggiungendo sempre la postilla: "Per quello che vale?"

Le date
4 agosto Roma - Le Terrazze Teatro Festival - Per acquistare i biglietti clicca qui
1 ottobre Milano, Teatro Nuovo
4 dicembre Roma, Teatro Brancaccio

Biglietti a partire da 17.00 €ACQUISTA I BIGLIETTI

foto e contenuti Copyright