L'hotel del libero scambio

Antonello Fassari Nicola Rignanese
L'HOTEL DEL LIBERO SCAMBIO
da Georges Feydeau
Adattamento Roberto Valerio e Umberto Orsini
Ideazione scenica e visiva Pietro Babina
Regia Roberto Valerio

Produzione Compagnia Umberto Orsini

In questi anni un autore come Feydeau viene rappresentato spessissimo in Germania come archetipo di un teatro che pone il suo sguardo sull'imbarbarimento della media borghesia dell'Ottocento che ha portato a disastri sociali immensi. Questa ottica così moderna è la molla che ci ha spinti verso questo testo per svelare attraverso la superficie dei meccanismi automatici di una comicità collaudata lo scheletro di una struttura malata nel profondo. Una lunga amara risata che deve risuonare nell'animo dello spettatore come un allarme al degrado politico e sociale a cui stiamo assistendo anche nella nostra società.
Feydeau racconta i vizi dei suoi contemporanei del 1894, che sono anche i nostri vizi. Anzi, a distanza di un secolo quei vizi si sono ingigantiti clamorosamente? Come tutti i grandi autori sa respirare il proprio tempo, sa descrivere il profondo dell'animo umano che è sempre lo stesso anche a distanza di più di cento anni?riprende i temi della commedia antica e li trasforma in personaggi contemporanei, le maschere antiche e della commedia dell'arte diventano personaggi credibili che possiamo incontrare ogni giorno per strada?. Una capacità di inventare meccanismi farseschi precisi, perfetti, dove l'esattezza del gesto e delle battute sono fondamentali per la buona riuscita di questo impianto drammaturgico.
Italo Calvino nelle sue Lezioni Americane, individua sei qualità che un'opera d'arte dovrebbe avere: nelle prime due lezioni ci parla della Leggerezza e poi dell'Esattezza. Feydeau ci racconta la nostra società proprio attraverso la leggerezza e l'esattezza. Grazie ad una nuova traduzione e ad un nuovo adattamento del testo, i dieci attori dello spettacolo saranno impegnati in una recitazione antinaturalistica, in maschera; riusciremo a passare dal ballo al canto e alla recitazione in modo naturale; riusciremo a costruire una commedia dal sapore amaro, una commedia in cui si riderà in modo intelligente e raffinato, senza mai perdere di vista l'obiettivo di raccontare una società "malata" e attratta dall'erotismo, una società ipocrita che condanna in pubblico le stesse cose che poi in privato si concede. Roberto Valerio

? Ho cercato di creare una scena il cui variare sia rapido e continuo e segua quando non spinga il ritmo della scena. Il progetto gira attorno ad un elemento base, "la porta", intesa come varco da cui si esce si entra a secondo del senso in cui si compia questa azione. La porta in questo caso diventa un elemento ripetuto, modulare, componibile. Un modulo che permette grazie ad una serie di configurazioni multiple di costruire, smontare e ricostruire gli spazi dell'azione. Questo smontare e rimontare non è un mero cambio scena da agire a sipario chiuso ma diviene azione scenica pregnante nella costruzione del ritmo in scena ? Pietro Babina

Le date:
dal 20 al 30 ottobre Milano, Teatro Carcano

Biglietti a partire da 25.00 €ACQUISTA I BIGLIETTI

foto e contenuti Copyright