Lo Schiaccianoci

È Lo Schiaccianoci italiano più bello, uno dei più interessanti della storia della danza, senz'altro uno dei più incantevoli: sulle familiari note di Piotr Ilych Ciaikovsky e, con le variopinte scene e costumi di Emanuele Luzzati, Daniele Cipriani ripropone Lo Schiaccianoci di Amedeo Amodio. Dopo un'anteprima a Perugia e il grande successo alla prima nazionale a Modena, il balletto parte per una lunga tournée in tutta Italia.

Il cast prevede, in alternanza, le prime ballerine Ashley Bouder (New York City Ballet), Rebecca Bianchi Teatro dell'Opera di Roma) e Anbeta Toromani, affiancate dai primi ballerini Andrew Veyette (New York City Ballet), Vito Mazzeo (Balletto Nazionale Olandese), Alessandro Macario (Teatro San Carlo di Napoli) e Alessio Rezza (Teatro dell'Opera di Roma). Con il corpo di ballo e i solisti della Daniele Cipriani Entertainment. Si tratta di una produzione su grande scala, paragonabile per dimensioni e qualità solo a quelle dei più importanti teatri lirici: in scena ben 40 artisti (37 ballerini, 2 artisti del teatro d'ombre e un trampoliere); dietro le quinte una quindicina di persone, tra maîtres, staff tecnico, sarte ecc. Uno spiegamento di talenti che fa di questo Schiaccianoci è uno degli eventi principali della stagione.

Lo spettacolo coincide con il 10° anniversario della scomparsa di Emanuele Luzzati che ha fatto risplendere le scene italiane e del mondo con i colori della sua tavolozza e l'arcobaleno della sua fantasia, nonché con il 200° anniversario della pubblicazione della novella di E.T.A. Hoffmann da cui deriva la trama del balletto. Se la maggior parte degli "Schiaccianoci" ? a partire dall' originale del coreografo Marius Petipa (San Pietroburgo, 1892) ? si rifanno all'adattamento e addolcimento del racconto da parte dello scrittore Alexandre Dumas, il balletto di Amodio ci restituisce le ombre e le tinte forti di Hoffmann, sottolineando il confine labile tra immaginazione e realtà. In questo Schiaccianoci, creato per Elisabetta Terabust e Vladimir Derevianko da Amodio nel 1989 durante gli anni d'oro dell'ATER Balletto di cui egli era allora direttore, lo Schiaccianoci del titolo non è il prodotto di un sortilegio, bensì della fantasia di una bambina la quale (come tutti i bimbi) gioca e parla coi suoi giocattoli, facendoli vivere anche nel mondo magico dell'immaginazione il cui confine con la realtà è labile: uno schiaccianoci può benissimo essere un principe, un'ombra sulla parete può diventare un drago in quel mondo dove desiderio e paura, sogno e incubo si sovrappongono in continuazione. Una rivisitazione in chiave psicologica del balletto normalmente popolato di fate, che lascia tuttavia intatto l'elemento fiabesco poiché nulla vi è di più magico della fantasia infantile.

Lo Schiaccianoci di Amodio/Luzzati si rivolge a grandi e piccini e s'inserisce nell'ambito dell'impegno personale di Daniele Cipriani a recuperare il repertorio italiano del balletto della seconda metà del ?900. Questa produzione è una delle sue colonne portanti, esempio delle vette artistiche toccate quando alla robustezza del pensiero tedesco e all'anima russa che impregna la partitura, si uniscono anche l'estro e la fantasia italiani: la coreografia di Amodio, le scene e costumi di Luzzati, le "ombre" ideate dal Teatro Gioco Vita e qui realizzate della Compagnia teatrale Asina sull'Isola, gli inserimenti musicali di Giuseppe Calì volti a dare risalto all'odore sulfureo che, ogni tanto, s'insinua tra le note di Ciaikovsky.



Le date:
dal 2 al 4 dicembre Milano, Teatro delgi Arcimboldi

Biglietti a partire da 25.30 €ACQUISTA I BIGLIETTI

foto e contenuti Copyright