Da molto tempo non parlo con la mia terra

Da molto tempo non parlo con la mia terra, e questa potrebbe essere una lettera d'amore sollecitata da una, due case, da un brano di mare d'una spiaggia lontana. Sono parole di Salvatore Quasimodo: il trasognato ricordo di un siciliano costretto ad abbandonare l'isola in cui è nato, le persone con cui è cresciuto, le proprie tradizioni, il proprio dialetto, il sole e le case e i paesi tagliati dalla luce. Spiagge incontaminate, ermetico entroterra, nugoli di emigranti e d'immigrati, supreme passioni ed infime debolezze, silenzi oscuri, colpevoli o saggi; e creature leggendarie, e uomini con le mani sporche di terra, di sale, di sangue? E d'inchiostro: come quelle dei grandi letterati che la Sicilia ha dato alla cultura dell'intero pianeta: da Verga a Pirandello, da Quasimodo a Tomasi di Lampedusa, da Sciascia a Bufalino. Attraverso brani tratti dalle opere di questi scrittori ? e di tanti altri ? proveremo a tracciare un percorso nella sabbia, nella roccia, nel fango e nelle ceneri di un vulcano: e sarà un'indagine alla ricerca della vera anima di una terra avvinta dall'ingiustizia e dai pregiudizi.
Sul filo dell'ironia e a tratti dello scherzo, in scena, all'ingresso di un caffè che è soprattutto un luogo metafisico, s'incroceranno i destini dei personaggi ? i loro amori, i loro tormenti, le loro aspirazioni, le loro disillusioni ?, i quali, però, finiranno spesso per comunicare con le parole degli scrittori e dei poeti, quasi che lo spirito stesso della Sicilia s'impossessasse di loro.

Io credo nei siciliani che parlano poco, nei siciliani che non si agitano, nei siciliani che si rodono dentro e soffrono. Così Leonardo Sciascia, in un'epoca relativamente recente e che nonostante ciò ci appare lontana di secoli. Oggi le speranze sembrano progressivamente dissolversi, in Sicilia come in Italia: per questo c'è bisogno di coraggio, di capacità di giudizio, di intelligenza; e dell'ironia, che ci tende la mano sull'orlo del baratro. Perché tutti noi abbiamo il diritto di credere che potremo salvarci, e che un giorno gli italiani e i siciliani potranno pensare alla terra in cui sono nati con orgoglio. Perché non siano più legittime le parole dell'antico poeta: Né con te né senza di te posso vivere.

Le date
Dal 28 febbraio all'1 marzo Roma, Teatro Brancaccino

Biglietti a partire da 15.50 €ACQUISTA I BIGLIETTI

foto e contenuti Copyright