Shi Yang Shi - Ton Men-G

TONG MEN-G racconta la storia di Yang.
Yang è nato a Jinan, nel Nord della Cina, nel 1979.
A 11 anni è arrivato in Italia insieme alla madre: è stato lavapiatti, venditore ambulante di erbe e unguenti cinesi sulle spiagge, studente bocconiano, traduttore simultaneo per ministri, imprenditori e registi internazionali di cinema; attore di teatro, tv e cinema, e recentemente, inviato speciale de "Le Iene".
Yang è un cinese alto: 189 cm.
Yang è un cinese bello.
Yang non sa chi è.

Viene considerato in Italia "cinese muso giallo", in Cina "banana", bianco dentro e giallo fuori.
Yang è un arlecchino traduttore/traditore di due padroni: la Cina e l'Italia.Come molti ragazzi di seconda generazione è abitato da brandelli e macerie di identità e culture: un prato disseminato dei resti di un crash aereo.

Attraverso le vite dei suoi antenati, Yang ha fatto un viaggio alla ricerca delle sue origini e ha avuto modo di conoscere da vicino alcuni momenti della grande storia della Cina. La trisavola materna, i bisnonni paterni, il nonno materno e il padre, sono i protagonisti di narrazioni che attraversano la guerra civile tra nazionalisti e comunisti, l'invasione giapponese, la rivoluzione culturale di Mao fino ad arrivare agli anni Ottanta con Zhang Cheng ? ?Sincerità' ? lo zio materno down che come un fool chiude il ?libro degli antenati'.

Nella seconda parte lo spettacolo racconta la "riprogrammazione culturale" di Yang avvenuta in Italia a partire dal 1990 e le contraddizioni, le possibilità, il precario equilibrio della condizione di uomo orientale/occidentale che vive in Italia da oltre 20 anni e dal 2006 è cittadino italiano.

La data
22 settembre Roma, Teatro Brancaccio

Biglietti a partire da 23.00 €ACQUISTA I BIGLIETTI

foto e contenuti Copyright