Alla scoperta del Parco Visconteo

certosa

CERTOSA DI PAVIA


"Il Parco Visconteo: una meraviglia verde": questo il nuovo appuntamento in programma per domenica 26 luglio nell'ambito del progetto Certos@ in bici, ovvero visite guidate per scoprire il territorio in modo salutare, unendo la bellezza delle opere storico- artistiche ai paesaggi rurali delle nostre campagne. Domenica alle ore 17 il ritrovo è a Certosa, sul piazzale del monumento, al termine del viale alberato. Da qui avrà inizio il percorso turistico in bicicletta, guidati da una storica dell'arte della cooperativa Progetti di Pavia.
Galeazzo II Visconti voleva con la realizzazione del Parco Visconteo dare segno della propria potenza e creare una relazione tra dimora, svago e devozione.
In quest'ottica il Parco fu strutturato con ville di delizie, casini di caccia, peschiere e circondato da possenti mura. Il figlio Gian Galeazzo per porsi in continuità col padre fece ampliare il Parco (parco nuovo) e diede avvio si lavori per la costruzione della Certosa.
Dal monumento si percorrerà il viale alberato del paese per giungere alla Torre del Mangano. Si tratta di un antico torrione che era inserito all'interno del muro di cinta del parco visconteo.
Dalla torre si riprenderà il percorso lungo il naviglio percorrendo l'Alzaia che permetterà di giungere e di visitare la Cascina Colombina situata nel centro di Borgarello e che in epoca viscontea costituiva un'importante postazione di controllo sul parco. Dopo questa sosta si continuerà verso la Cascina Repentita situata in aperta campagna e nella zona dove venne combattuta la famosa Battaglia di Pavia. Francesco I sconfitto durante la battaglia fu fatto prigioniero qui per alcune ore. Alla cascina è legata la leggenda della nascita della zuppa alla pavese.
Da qui si tornerà a Certosa passando per il Cantone tre miglia e ripercorrendo nuovamente la strada Alzaia. Per partecipare occorre prenotare all'email info@progetti.pavia.it o al numero 0382.530150, la partecipazione alla visita guidata è gratuita.